PUNTARELLE ALLA ROMANA, ANCORA UN PO’!

Puntarelle alla romana e pasta broccoli e salsiccia, le ricette di questa settimana potrebbero essere le ultime della stagione, prima che irrompa la primavera. 

Stamattina sono andata prestissimo al mercato, amo girovagare tra i banchi per rubare con gli occhi quei momenti di risveglio, di preparazione e di calma, prima dell’affollamento in tarda mattina e durante l’ora di pranzo.

Lì ho trovato la signora Mirella che, come ogni giorno, puliva con tanta pazienza un cespo di puntarelle, una varietà di cicoria asparago (o cicoria catalogna) che a Roma viene mangiata cruda con olio, filetti di acciughe e aceto di vino bianco.  Le foglie di scarto possono essere cucinate come contorno da bollire e ripassare in padella con aglio e olio.
Quello di capare le puntarelle (questo termine dialettale sta per “mondare”, “pulire”) è infatti un vero lavoro da certosino, che giustifica il costo elevato di circa 12 euro al chilo (verdura pulita e pronta da preparare).

 

COME PULIRE LE PUNTARELLE?

  • con tanta pazienza e un coltello ben affilato!
  • stacca un cespo dal gambo e inizia a sfogliarlo, proprio per eliminare le foglie che sono tutte intorno;
  • prendi il germoglio e inizia a togliere la parte più dura del gambo tagliando per lungo;
  • inizia ora a tagliare le puntarelle in striscioline sottili sempre in senso longitudinale;
  • immergi in acqua fredda e lascia in ammollo per almeno una mezzora, fino a quando le puntarelle si saranno arricciate.

Ricce, verdi brillanti, amarognole, le puntarelle cucinate alla romana sono davvero sfiziose, veloci e semplici da cucinare. Proprio ora me ne aspetta un bel piatto.

puntarelle

PUNTARELLE ALLA ROMANA

SHOPPING LIST
(per 4 persone) olio evo, 2 spicchi d’aglio, 10 acciughe sotto olio (oppure due cucchiai di pasta di acciughe), aceto bianco, 500 g di puntarelle.

COME LE PREPARO

  • con un bel coltello affilato, sminuzza le acciughe, aggiungi l’aglio e riduci tutto in crema;
  • in una ciotola emulsiona aceto bianco e olio evo in proporzioni 1:2;
  • unisci alla crema di acciughe e aglio;
  • metti le puntarelle dentro una grande ciotola, aggiungi l’emulsione e girale abbondantemente, meglio se con le tue mani;
  • annusa le mani e respira forte, il profumo ti farà compagnia per qualche ora;
  • se hai tempo fai riposare il piatto per una mezz’ora prima di servire

and Other Stories:

  • se non conosci questa verdura ricorda di cercarla in autunno, la sua stagione infatti è ormai agli sgoccioli;
  • in alternativa all’aceto puoi usare il limone, il sapore è più acido ma altrettanto buono;
  • puoi ottenere un piatto vegetariano, sostituendo le acciughe con i capperi;
  • se ti è piaciuta questa ricetta, prova altre verdure cucinate alla romana, guarda anche le ricette del broccolo alla romana, e del carciofo alla romana;
  • se dovessero avanzare, conservale in frigo, le puntarelle del giorno dopo saranno ancora più buone!
  • sconsigliate per un primo incontro romantico perché l’alito ne risentirà!

puntarelle

 

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *