PIGNETO 1870 DI ANDREA DOLCIOTTI

Il weekend sta per arrivare e oggi voglio raccontarti di un piccolo ristorante gourmet che vale proprio la pena provare, Il Pigneto 1870 dello chef Andrea Dolciotti. 

Per assaggiare la sua carbonara classica, eccezionale, oppure mangiare uno dei suoi piatti creativi.
Andrea è uno chef aperto, ironico e appassionato, di quelli che non hanno mai perso il contatto con la realtà della ristorazione e con il suo obiettivo, nonostante il mestiere dello chef sia diventato negli ultimi tempi un po’ snob e sinonimo di starlette.

ristorante-pigneto-1870

Noi chef non dobbiamo mai dimenticare che facciamo pasta e fagioli”, dice lui, per sottolineare come sia possibile realizzare pietanze elaborate fatte con materie prime di qualità, a un costo sostenibile. Materie prime che lui sceglie personalmente andando a fare la spesa tutti i giorni e di cui esalta sapori e caratteristiche, sperimentando sempre nuovi accostamenti, rielaborazioni, scomposizioni, giochi di consistenze.

Un ristorante che è un “buchetto”, con un numero limitato di tavoli sia all’interno che all’esterno, curato in ogni minimo dettaglio. Dalla cucina a vista che ti permette di entrare fin da subito nel suo spazio intimo, alla cura nella presentazione di ogni piatto che arriva in sala, alla disponibilità e cortesia delle persone che ci lavorano. L’atmosfera che si respira è informale e accogliente in un ambiente minimal dove non sembra di essere in Italia.

ristorante-pigneto-1870

Il menù è composto da alcuni piatti classici della cucina romana insieme a piatti con accostamenti di sapori più creativi. La carbonara è il piatto forte più richiesto, con ben 40 chili di guanciale consumati a settimana a cui fanno concorrenza animelle e pajata del martedì. Io ho assaggiato gli gnocchi di seppia e piselli, il baccalà vaso di venere e barbabietola, il salmone mi – cuit con panna acida ed infine, la carbonara.

ristorante-pigneto-1870

Il salmone è il piatto che più mi ha stupito. Il risultato della sua cottura sottovuoto per lunghissimo tempo e a bassa temperatura è una carne tenerissima che si scioglie all’istante. Il sapore dolce viene stemperato bene dalla panna acida e rimane a lungo in bocca per prolungare il piacere ancora per un po’. Davvero godurioso.

ristorante-pigneto-1870

Mentre scrivo, mi sto rendendo conto di non avere testimonianze fotografiche del piatto di carbonara appena uscito dalla cucina, l’ho divorato in due secondi.

A questo punto, non ti rimarrà altro che andare direttamente a provare!

ristorante-pigneto-1870_4

ristorante-pigneto-1870

PIGNETO 1870
Via del Pigneto, 25
Tel. 06.7021401
Aperto tutti i giorni, per aperitivo e cena.

 

And Other Stories …

sono stata al Pigneto 1870 per l’ultima fase del corso di specializzazione in Food Photography e Food Styling organizzato dallo Ied. Un’esperienza formativa molto utile con il fotografo Antonio Barrella e Stefania Casali di lana e biscotti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *